Come portare un animale in UK

Lasciare il proprio paese è difficile si sa, ma lasciare casa ed il proprio animale domestico è ancora più difficile.

Un tempo in UK vigeva la quarantena per gli animali provenienti da altre nazioni, ed in molti erano costretti a lasciare a casa il fedele amico a quattro zampe. Dal 2012 però, il governo britannico ha completamente rivisto la legislazione in merito. Ai sensi della nuova normativa, gli animali domestici, vaccinati contro la rabbia e identificati mediante microchip, possono viaggiare liberamente tra gli Stati membri dell’Unione Europea e la Gran Bretagna.

airplane-dog

Attualmente è in vigore il progetto PEt Travel Scheme (PETS), tale progetto si applica esclusivamente a cani, gatti e furetti a seguito dei padroni, provenienti dai Paesi dell’Unione Europea e non. Sul sito del governo inglese troverete la lista completa dei paesi che aderiscono al progetto.

Cosa devo fare prima di partire?

Prima di partire, il vostro animale avrà bisogno di:

  • microchip
  • vaccinazione antirabbica (il microchip dovrà essere applicato prima della vaccinazione)
  • trattamento contro la tenia e zecche (solo per i cani)
  • passaporto
  • certificato sanitario ufficiale

Attenzione! Dopo la vaccinazione antirabbica dovrete attendere 21 giorni prima di poter viaggiare!

Il microchip

Il microchip dovrà essere applicato prima della vaccinazione antirabbica. Assicuratevi che il vostro veterinario registri il numero del microchip sul passaporto o sul certificato sanitario del vostro animale. Le autorità britanniche raccomandano che venga usato il tipo conforme alla norma ISO (International Standards Organisation) 11784 o norma ISO 11785. In caso di modello differente dovrete fornire lettore adatto al medico veterinario che eseguirà l’impianto del microchip, al medico veterinario che rilascerà il certificato sanitario e al personale designato ai controlli dalle autorità britanniche.

La vaccinazione antirabbica

Potrete far vaccinare il vostro animale in qualsiasi momento, l’importante è che la vaccinazione sia fatta dopo aver impiantato il microchip. Nel caso in cui il vostro animale abbia già la vaccinazione ma non è provvisto di microchip, dovrete prima far impiantare quest’ultimo e poi far rifare la vaccinazione.

Il trattamento contro la Tenia (Echinococcus Multilocularis) e le zecche

Tale trattamento dovrà essere eseguito in modo tale che al momento della partenza verso l’Inghilterra siano trascorse non meno di 24 ore e non più di 48 ore. Il veterinario vi rilascerà un certificato dell’avvenuto trattamento, che dovrete mostrare al momento dei controlli da parte degli addetti delle compagnie di trasporto. Il trattamento contro i parassiti dovrà essere ripetuto ogni qual volta entriate nel Regno Unito. Cliccando qui troverete il fac-simile del certificato.

I certificati

Per accedere in UK con i vostri animali a seguito, dovrete essere forniti dei seguenti documenti:cane documenti

  • certificato sanitario che attesta l’idoneità dell’animale sulla base dei risultati ottenuti dall’analisi antirabbia e del risultato dell’accertamento sierologico. Il certificato può essere scaricato da questo link. Il certificato sanitario può essere rilasciato solamente dal Servizio Veterinario dell’ASL competente

  • certificato per i trattamenti contro i parassiti, che attesti che l’animale è stato trattato contro la tenia e le zecche. Tale certificato potrà essere rilasciato dal proprio veterinario o dal servizio veterinario dell’ASL. Attenzione! Il certificato dovrà riportare la data e l’ora in cui è avvenuto il trattamento

  • dichiarazione: prima della partenza vi verrà chiesto di firmare una dichiarazione, in cui dichiarerete che l’animale, durante i sei mesi prima della partenza, non è stato fuori dai Paesi che aderiscono al PETS

Cos’è la quarantena?

Nel caso in cui il vostro animali non soddisfi i requisiti richiesti, verrà messo in quarantena a vostre spese.

Dovrete prenotare nella struttura in cui verrà ospitato il vostro animale.

In genere gli uffici addetti si occuperanno della documentazione necessaria provvedendo a:

  • richiedere una licenza per l’importazione
  • trasportare il vostro animale dall’aeroporto alla struttura
  • risolvere le questioni doganali

Quando prenoterete, accertatevi che l’ufficio quarantena risolva per voi queste questioni burocratiche, in caso contrario dovrete occuparvene da soli. Il vostro animale verrà rilasciao quando soddisferà i requisiti richiesti dal Regno Unito. Fino ad allora un Animal Health and Veterinary Laboratories Agency (AHVLA) sarà responsabile delle sue cure. Nel caso in cui il vostro animale dovesse ammalarsi, il proprietario della struttura sarà responsabile, ma le spese per le cure saranno a vostro carico. Infine, se malauguratamente il vostro animale dovesse morire mentre si trova in quarantena, l’AHVLA ha la responsabilità legale di prelevare campioni da inviare ad un laboratorio ed accertarsi che la causa della morte non sia la rabbia. L’animale dovrà essere cremato, e nel caso in cui i risultati delle analisi saranno negativi potrete riavere indietro le sue ceneri. Cliccando qui troverete la lista dei canili autorizzati e con un buon codice di condotta per quanto riguarda il benessere degli animali.

Ma come posso viaggiare con il mio animale?

Qui sorgono i problemi! In realtà sul sito del governo italiano si indicano i trasporti autorizzati per poter portare gli animali in UK, sembra tutto molto semplice, ma tante sono le storie discordanti raccontateci da chi ha cercato di far entrare nel Regno Unito il proprio animale. A questo link, il sito del governo italiano.

I consigli di chi ha provato a partire con il proprio animale domestico: cane in ereo

Via aerea: la British Airways sembra sia la compagnia aerea più permissiva, ma il viaggio potrebbe venirvi a costare fino a 1000 euro ed il vostro animale dovrà essere messo in stiva. Non è detto che saliate sullo stesso volo e molto probabilmente l’animale vi verrà spedito dopo.

Via mare: in molti prendono il traghetto da Calais, nel nord della Francia. Ma bisogna essere dotati di auto per poter portare l’animale sul traghetto con voi. La crudeltà è che dovrebbe essere chiuso nel portabagagli con appropriato trasportino.

Quindi cosa devo fare?

Noi vi consigliamo di non fidarvi solamente di quello che viene scritto sui siti delle compagnie aeree o dei traghetti, ma vi converrà chiamare direttamente in modo da chiarire la situazione. Per ora abbiamo sentito solo le storie di chi dall’Italia ha preso il treno per poter arrivare in Francia e poter poi prendere il traghetto, in modo da non lasciare solo il proprio animale già abbastanza stressato dal viaggio. Alcune compagnie aeree, come la British Airways, forniscono l’opzione “cargo”, il vostro animale sarà spedito come si spediscono le merci, con la sola differenza che parliamo di un essere vivente. Infine portate con voi tutti i documenti possibili, più scartoffie avrete più potrete stare sicuri alla dogana ed evitare che il vostro animale venga messo in quarantena. Per concludere, eccovi il sito del ministero della salute italiano e di quello del governo britannico, le pagine linkate sono inerenti alla questione trasposto animali:

http://www.salute.gov.it/caniGatti/paginaInternaMenuCani.jsp?id=222&menu=viaggiare
https://www.gov.uk/take-pet-abroad

36 replies

  1. Post davvero molto utile! 🙂
    Volevo saper se qualcuno ha informazioni su come fare per portare in uk anche altri tipi di animali, parrocchetti nello specifico!

    • Ciao a tutti,
      Scusate ma ho riscontrato un’inesattezza che secondo me è giusto precisare.
      Per chi viene DAI PAESI EUROPEI, NON è più NECESSARIO fornire anche gli esami del sangue dopo la vaccinazione antirabbica.
      Questo è necessario SOLO per chi proviene da paesi non in lista UE. Sto portando i miei cani a Manchester e ho avuto conferma di questo.
      Se andate nel siti ufficiale sotto la voce “anti rabbica” e’ specificato che per chi proviene dall UE basta attendere i 21 gg..
      Scusate se mi sono permessa:)

      • Ciao Sara,
        non preoccuparti, anzi hai fatto benissimo a segnalarci questa cosa! Abbiamo scritto l’articolo parecchio tempo fa, sicuramente saranno cambiate delle cose. Ora provvediamo a modificare l’informazione. Ancora grazie e buon viaggio a te e ai cani!!!

      • Ciao Sara, mi permetto di chiederti un consiglio e qualche indicazione su come posso portare con me il mio cane per un trasferimento in Scozia. Mi hanno molto scoraggiata le informazioni lette sull’impossibilita’ da parte delle compagnie aeree ,dirette dall’ Italia verso il Regno Unito ,di trasportare gli animali.Sono affranta e l’idea di dover lasciare il mio amato cane mi spezza il cuore.Ho letto che hai potuto portare i tuoi cani a Manchester, puoi indicarmi la compagnia aerea? Ti sarei davvero molto grata.

      • Ciao Daniela, si’ io ho portato due cani in Inghilterra con me, ma non ho preso l’aereo. Valutando tutte le opzioni ed essendo I miei cani adottati e provenienti da una brutta situazione non ho ritenuto ottimale metterli in una stiva senza di me con tutti I vari rumori, senza considerare che devi lasciarli in una gabbia per 3 ore prima della partenza in un’area riservata al personale (per cui ancora senza di me).
        Visto che il mio trasferimento era permanente ho preferito impiegare un po’ piu’ tempo per il viaggio ma essere con loro e saperli tranquilli. Per questo siamo venuti in macchina.
        Ovviamente se il tuo cane non ha avuto situazioni particolari alle spalle e non e’ particolarmente pauroso potresti prendere in considerazione l’idea dell’aereo, solitamente la British Airway so che li trasporta.
        L’ultima info…:) un’altra cosa che mi ha fatto optare al 100% per la macchina e’ stata che quando ho parlato con la British per il trasporto in aereo, mi volevano far firmare un foglio in cui dicevano che se durante il viaggio fosse successo qualcosa nella stiva, come abbassamento o innalzamento perentino di temperatura e vari cambi di pressione che potevano causare la morte del cane si toglievano da ogni responsabilita’. Andando un po’ nei vari siti ufficiali per valutare quanto fosse alta la percentuale che realmente potesse succedere una cosa del genere ho visto che non sarebbe cosi’ impossibile, e che anzi alcuni cani hanno talmente sofferto durante il viaggio per la paura che sono morti qualche giorno dopo. Anche se fosse stata un 1% di possibilita’ non l’avrei mai fatto comunque, per me sono come figli.
        Il viaggio in macchina d’altro canto e’ stato a dir poco perfetto, economico rispetto all’aereo e sinceramente molto piacevole. CI abbiamo messo 3 giorni guidando una media di 6 ore al giorno e fermandoci per la notte in hotels pet friendly (molto facili da trovare appena esci dall’Italia). Lo consiglio senza ombra di dubbio.
        Spero di esserti stata d’aiuto. In ogni caso c’e’ comunque il treno che puoi sempre prendere in considrazione, ma l’aereo lo sconsiglio vivamente. Un modo per portare il tuo cane lo trovi sicuramente:)

      • Ciao Sara,
        vorrei chiederti se sai invece per il coniglio se servono antirabbica ecc….

        Jessica

  2. Salve. Sono venuta a sapere da lufthansa e alitalia che da circa 3 mesi non possono più entrare cane in uk. Il sito del governo inglese non dice nulla in merito. Ma sembra strano che le compagnie mi abbiano detto questo. Sapete qualcosa in merito? Grazie

    • Ciao Francesca! Tempo fa abbiamo letto proprio un articolo in merito alle compagnie aeree che non permettono di far salire a bordo animali domestici. In verità pare che le compagnie aeree possano applicare delle proprie leggi per il trasporto di animali, con l’impossibilità dell’intervento del governo inglese. Per quanto riguarda l’ingresso in UK degli animali a noi non risulta nulla! Anzi qualche settimana fa ci ha scritto una ragazza che è riuscita ad arrivare in UK con il proprio cagnolino.

  3. Eccoti quello che ci hanno scritto: “Sono partita in aereo fino Parigi, da Parigi ho preso il treno per Calais, da Calais in auto, mi sono imbarcata sul Ferry e sono arrivata in UK”. Speriamo che tu possa arrivare in UK con il tuo amico a 4 zampe!!! 😀 Buona giornata!

  4. I’m curious to uncover out what blog system youre employing? Im experiencing some small security troubles with my latest weblog and Id like to locate something more safeguarded. Do you’ve any recommendations? dfdcbecdeafg

  5. Nell’articolo non viene contemplata la possibilità di trasferirsi in treno insieme ai propri animali. Mi piacerebbe prendere in considerazione questa possibilità. Grazie Laura

  6. Ciao! Vorrei sapere se fosse possibile introdurre in Inghilterra animali come i pappagalli. Su internet non si trova tanto e addirittura le poche informazioni sono a dir poco contrastanti. Spero qualcuno mi possa aiutare. Vi ringrazio anticipatamente ❤

  7. Salve,
    Vorrei sapere come funziona per introdurre in UK conigli e porcellini d’india. Ci vuole l’antirabbica anche per questo tipo di animali? Perché il coniglio necessita di 2 vaccinazioni (m.e.v. E mixomatosi) il porcellino d’india invece non necessita di alcuna vaccinazione. Quello che mi chiedo è se faranno storie per questo e ho paura possano metterli in quarantena. Aiutatemi per favore dovrò partire a breve. Grazie

  8. Sto seriamente pensando di trasferirmi in Inghilterra. Ho due gatti,tutte le vaccinazioni eseguite ed anche castrati. Da quanto ho capito dovrei viaggiare in macchina attraverso la francia per arrivare a calais. Ma dopo cosa succede nello specifico? …. si prenota un posto sul traghetto e si dichiara la presenza dei mici? Scusate l’eventuale stupidità della domanda ma non ho mai viaggiato fuori dall’Italia. Grazie a chi mi fornirà qualche dettaglio specifico.

    • Le compagnie a Calais non accettano animali a bordo senza che tu abbia un mezzo (auto o van), quindi occorre necessariamente un auto per portarli con te.

  9. per arrivare in scozia senza auto ho trovato un modo.solo la irish ferries accetta pedoni con animali domestici da un porto in francia sino in irlanda di lì in galles.Poi in scozia in treno.

  10. se invece qualcuno è bravo a guidare e propenso a noleggiare una auto in francia diretto in uk mi tenga informata devo ritrasferirmi con 2 gatti ma l’unico modo è il traghetto.Viaggio a dir poco distruttivo

  11. Ciao, identico problema per portare il nostro cane a Londra; ieri ho sentito l’Ambasciata inglese a Roma e da parte dell’Inghilterra non vi sono divieti per portare cani e gatti, ma sono le compagnie aeree che si inventano questi divieti per non avere problemi con i voli e con i passeggeri nel caso non abbiano rispettato tutte le regole.
    Abbiamo setacciato tutte le compagnie ma continuiamo ad insistere, se qualcuno ha suggerimenti sono bene accetti. Grazie

  12. La cosa strana è che le compagnie aeree non effettuano voli con animali a bordo solo per la tratta verso Il Regno Unito!!!

    • Pochi giorni fa sono stato contattato dall’ufficio clienti della Lufthansa il quale diceva che si potevano portare cani, in cabina, nel regno unito. Ieri ho chiamato l’ufficio prenotazioni e dopo circa 15 minuti l’addetto si e’ accorto che la Ltufhansa avrebbe embargo verso il RU e non portano animali, se non con il cargo.
      Ho provato a ricontattarli e aspetto risposta.
      Si, la soluzione con il battello sembra l’unica; mi sembra anche in eurotunnel non siano ammessi nonostante l’ambasciata inglese di Roma abbia detto che da parte loro non c’e’ nessun divieto per fare entrare cani o gatti, ovviamente nel rispetto delle regole sanitarie.

      • Su petsblog ho appena letto che si può viaggiare in eurotunnel purchè l’animale sia su un veicolo

      • Sarebbe una soluzione ma avendo 4 giorni farei passare al cane quasi metà tempo in viaggio. Aspetto risposta da Lufthansa e Air France, ultime due possibilità

  13. Anche io devo trasferirmi in UK a breve con il mio ragazzo e 2 gatti e ho pensato a questa soluzione: volo fino a Parigi, treno da Parigi a Calais, imbarco con un taxi ( in pratica gli pago la traversata andata e ritorno ma di km effettivi non ne fa ) e poi treno fino a Londra.
    Se avete altre idee proponetele!!!

    • Non ricordo le razze non ammesse, ma per ora ho solo trovato come possibilita’ di fare imbarco da Calais in eurotunnel (andando in auto) o in traghetto
      Invece da Regno Untio all’estero sembra non ci siano problemi

  14. Noi ci siamo trasferiti in uk due anni fa e abbiamo portato il nostro gatto con noi, abbiamo noleggiato un furgone perché ci siamo portati delle cose e attraversato così la manica. Le compagnie aeree non fanno volare a bordo gli animali verso l Inghilterra purtroppo

      • Ho visto , è difficile ma sorge una curiosità: se un citadino inglese portasse il suo cane nel continente, al ritorno dovrà fare la stessa trafila dei continentali per riportare il suo cane in Inghilterra ?

    • Ciao Marzia,
      anche io sto per trasferirmi in UK con il mio gatto, ed avendo necessità di portare parecchie cose con me trovo comoda l’opzione auto.
      Con che compagnia avete noleggiato? Io non riesco a trovare nulla.
      Sarebbe ideale partire dall’Italia e appunto lasciare la macchina là, sopportando qualche km di guida al contrario.
      Gentilmente, se tu potessi darmi info te ne sarei grata.
      Grazie

    • Ciao! Anche io avevo il tuo stesso “problema”. Ho appurato che l’unico modo per portare un pappagallo in Uk sia passando dal tunnel della Manica in macchina. Le compagnie aeree non permettono il trasporto di pappagallini. In aeroporto, sia in Italia ma soprattutto una volta arrivato in Uk, potrebbero bloccarti essendo considerati portatori di malattie, perché provenienti da zone tropicali. Purtroppo non è per niente semplice secondo me. 😦 Mi sono informata tantissimo, avevo addirittura contattato il consolato italiano in Uk, ma non ne sanno
      un’emerita cippa.

      • Mi rendo conto sia passato molto tempo dalla domanda, ma son curioso anche io. Lo hai portato? E come hai fatto? Lungo il canale non ci sono controlli di sorta?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s