Planimetria Internazionale

“Ma quindi quando torni?”
“A giugno”
“Allora stai qua tanto!”
“No, a giugno torno qua”
“Ah, pensavo tornassi là”

La mia oramai è una situazione banale per età e diffusione, eppure non manca di darmi da riflettere di tanto in tanto (già, ho una vita molto serena). Un giorno bello come tanti altri ho deciso di lasciare la casa dove sono cresciuto e circostanze e desideri m’hanno portato a valicare qualche confine, a parlare un’altra lingua, a guardare da un’altra parte quando attraverso. Mi son trovato ad avere una casa nuova e un lavoro nuovo; a incontrare gente nuova con cui si parla di cose nuove e si fanno cose nuove; in definitiva, a vivere in un modo nuovo, non soltanto diverso. Comunque, si continua chiaramente a sentire la corda che tira in vita. Quella è la corda che ho legato al comignolo di casa prima di andarmene, tra cordone ombelicale e dispositivo di sicurezza. Non si sa mai, non si può mica far finta di non aver lasciato indietro niente di valido. Guardar indietro è ancora piacevole, eccome. Anzi, che sollievo prendere un aereo, stendere un po’ quella corda. Il relax ostinato, l’ozio metodico ancora per qualche giorno. Rivedere persone che ci sono ancora, checché appaia.

Fattosta che poi voli magari non più spesso, ma con una regolarità che si fa sempre più ritmo, biglietto pullman fila decollo volo atterraggio fila pullman e da capo. O viceversa, la sequenza è quasi palindroma dopotutto. E per l’appunto, ad ogni welcome onboard si nota come un’asimmetria che dissolve. Le differenze sono ancora tutte lì, e quel che c’è di fronte è tanto diverso da quel che c’è alle spalle quanto prima. Ma la tensione verso la destinazione è ormai quasi indistinguibile, sia che si torni a casa, sia che si torni… a casa. Quel tubo che vola sembra sempre meno un mezzo di trasporto, ma più un elemento architettonico, un ascensore lussuoso, un disimpegno aereo. Mi sento come se avessi il salotto in una nazione e lo studio in un’altra. Pagando un affitto molto più basso di quel che mi sarei aspettato. E incontrando coinquilini molto interessanti.

Questo post fa parte della miniserie “Viaggi di Solo Ritorno”. Per cominciare dall’inizio vai qui. La prossima puntata invece la trovi qua.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s