Tasse in UK

Le tasse in Italia rappresentano un tasto molto dolente. La pressione fiscale per i lavoratori dipendenti può raggiungere il 50%. In UK invece, questo argomento diventa più dolce e sopratutto molto più chiaro.

Il sistema di tassazione per lavoratori dipendenti si chiama PAYE (Pay As You Earn). PAYE significa che le tasse sono calcolate sulla base del guadagno lordo annuale e vengono trattenute direttamente in busta paga.

La busta paga in UK

La busta paga in UK è molto semplice e trasparente, non contiene decine di voci e sigle incomprensibili. Le uniche due trattenute dallo stipendio lordo sono:

  • Tax (tasse)
  • NI (National Insurance)

Ci può essere una voce aggiuntiva che riguarda i versamenti ad un fondo pensione privato organizzato dal datore di lavoro ( Workplace pension). Questi versamenti sono automatici se si guadagnano piu’ di £10,000 lordi l’anno ma non sono obbligatori (per maggiori informazioni su questa voce scriveremo un articolo a parte).

Tax

Per l’anno fiscale 2015/2016 – l’anno fiscale va dal 6 Aprile al 5 Aprile dell’anno successivo – I GUADAGNI FINO A £10,600 LORDI L’ANNO SONO COMPLETAMENTE ESENTI DALLE TASSE! Tutto quello che si guadagna oltre questa soglia è soggetto a tassazione:

  • da £1 fino a £31,785 lordi (successivi ai primi £10,600 esentasse), le tasse sono del 20%
  • da £31,786 a £150,000 lordi le tasse sono del 40%
  • oltre £150,000 lordi le tasse sono del 45%

Questo significa che la percentuale dedotta per le tasse è una media dei vari scaglioni soggetti a diverse tassazioni. Per esempio, Mr Cesare Augusto ha uno stipendio annuale lordo di £45,000. Tolti i primi £10,600 che sono esentasse, rimarranno da tassare £34,400. Le tasse totali su £34,400 ammonteranno a £7,403 annui che rappresentano il 16.45% di pressione fiscale sull’intero stipendio annuale. Il 16.45% di tasse è dato dalla media tra una tassazione dello 0% sui primi £10,600, del 20% sui successivi £31,785 e del 40% sui guadagni da £31,785 a £34,400.

National Insurance (NI)

Il NI è un contributo che serve per pagare la pensione di stato ed  altri benefits come per esempio l’indennità per la maternità o i contributi di disoccupazione.

Il NI si calcola sullo stipendio lordo settimanale:

  • fino ad un guadagno di £155 a settimana (circa £8060 all’anno) non si paga nessun NI
  • per stipendi da £155 a £815 a settimana la NI è del 12%
  • per stipendi oltre £815 a settimana la NI è del 2%

Anche qui la NI finale sarà una media dei vari scaglioni. Tornando a Mr Cesare Augusto ed al suo stipendio annuale lordo di £45000, il suo stipendio settimanale sarà di  £865 (£45000/52 settimane). La NI in questo caso sarà di £4171, ovvero rappresenterà il 9.26% dello stipendio lordo. Questa percentuale è una media tra la NI dello 0% sui guadagni fino a £155 a settimana, del 12% sui guadagni tra i £155 ed i £815 a settimana e del 2% sui guadagni tra i £816 e £865 a settimana.

Insomma quali sono le trattenute totali per Mr Cesare Augusto?

Stipendio annuale lordo £45,000:

  • Tax £7,403 (16.45%)
  • NI £4,171 (9.26%)

Totale trattenute: £11,574, ovvero 25.72% dello stipendio annuale lordo. Per ogni £1 guadagnato, Mr cesare Augusto paga circa 26p di contributi tra tasse e NI. Il suo stipendio mensile netto sara’ £2,785.

Il Tax Code

Ad ogni lavoratore dipendente viene assegnato un Tax Code da cui dipende il calcolo delle tasse. Questo è costituito da dei numeri – che rappresentano quanto spetta “esentasse” ovvero la “tax free allowance” – e da lettere – che rappresentano tra l’altro l’età del lavoratore, la sua situazione fiscale ed altri fattori come per esempio se si hanno due occupazioni. Esempio: nell’anno fiscale 2013-2014 non si pagano tasse fino a £9440, per cui i numeri che costituiscono il Tax Code per un normale lavoratore saranno 944. Se si ha diritto a questa esenzione e si è un normale lavoratore dipendente con singola occupazione, la lettera sarà L. Per cui il Tax Code più comune per il 2013-2014 sarà 944L. Per l’anno fiscale 2015-2016 questo Tax Code diventera’ 1060L rispecchiando il fatto che fino a £10,600 non si pagano tasse.

Mi hanno trattenuto dal primo stipendio molto più di quello che mi aspettassi.

KEEP CALM AND CARRY ON WORKING, you are in UK! È probabile che ti abbiano assegnato un EMERGENCY TAX CODE . Quando cominci un lavoro in UK per la prima volta oppure se passi dall’essere self-employed ad un lavoro dipendente, l’agenzia dell’entrate non è a conoscenza dei tuoi precedenti introiti nè ha una tua storia fiscale. Per questo motivo può automaticamente considerarti soggetto alla tax band più alta.

Gli emergency codes sono:

  • 1060L W1
  • 1060L M1
  • 1060L X

Se sulla busta paga ti trovi uno di questi emergency codes devi prima di tutto contattare il tuo datore di lavoro. Se loro non riescono ad aiutarti aggiornando il tuo status, allora dovrai fare domanda di rimborso online usando questo link:

https://www.signin.service.gov.uk/start

Oppure puoi contattare direttamente l’ HMRC (l’agenzia delle entrate) ad i seguenti numeri:

  • Telefono: 0300 200 3300
  • Textphone: 0300 200 3319
  • Outside UK: +44 135 535 9022  

Orari di apertura Lunedi’-Venerdi’ 8am-8pm, Sabato 8am-4pm. Si consiglia di chiamare prima delle 10am.  

Generalmente il rimborso avviene in tempi molto brevi (1-2 mesi) e potra’ essere sia attraverso un assegno bancario, sia attraverso la prossima busta paga.

Cosa ci fa il governo inglese con le tasse che pago ogni mese?

Anche qui il sistema anglosassone dimostra una trasparenza quasi senza eguali. Per il 2013-2014 il governo ha incassato £612 miliardi. Di questi, il 25.3% proviene dalle tasse pagate dai lavoratori dipendenti e il 17.5% proviene dai contributi per la NI. Il 37.6% degli introiti provenienti da tasse e dalla NI è andato per welfare e le pensioni, il 18.5% per finanziare il Sistema Sanitario Nazionale, il 13% per l’educazione, il 7.1% per pagare gli interessi sul debito pubblico, il 5.4% alla difesa, il 4.7% alla giustizia, il 2.8% ai trasporti, il 2.5% per incentivare o aiutare le imprese, il 2.1% per l’amministrazione del governo, l’1.8% per impianti sportivi, biblioteche musei etc, l’1.6% per l’ambiente, l’1.5% per le infrastrutture e per l’elettricità pubblica, lo 0.9% per aiutare paesi esteri in bisogno, lo 0.6% per contribuire all’EU.

Alain Cennamo

20 replies

    • Diegopillon questo articolo e’ solo per i lavoratori dipendenti..sicuramente un articolo per i self-employed riscontrerebbe tanto interesse..grazie per il suggerimento!

  1. Buongiorno, vivo a manchester da quasi un anno con mia Moglie e ci troviamo bene.
    Io sono PAYE e volevo chiedervi se sapete se le tasse in busta paga del NIN contribuiscono a fini pensionistici.
    In pratica quando torno in italia posso “ricongiungere” dei contributi ai miei italini?
    Grazie e complimenti per il blog , é stupendo e le informazioni sono chiare ed esatte (per quel che é la mia esperienza).

    • Ciao Luca, grazie per il tuo apprezzamento, purtroppo non e’ possibile ricongiungere i contributi versati qui con quelli italiani o viceversa. Questo e’ possibile solo con pensioni private.

  2. Ciao Alain
    Grazie del prezioso articolo. Ti chiedo una precisazione sulla questione pensione.
    Ma se io ho 20 anni di contributi in Italia ed inizio a lavorare qui … Vuol dire che vado in pensione in Italia con la minima e che qui forse non raggiungerò mai l’età pensionabile ? Non so se la mia domanda è chiara … Scusami

    • Ciao Emanuela, qui in UK otterrai tranquillamente la pensione una volta che raggiungerai l’eta’ pensionabile..stessa cosa per l’Italia. Molti connazionali che sono qui da anni ricevono due pensioni, una dall’Italia ed una Inglese. Spero di aver chiarito il tuo dubbio 🙂

      • Ciao Alain,
        Ho oltre 60 anni è versato circa 33 di contributi INPS. La mia azienda mi propone un nuovo impiego (trasferimento) in UK Con stipendio maggiore. Che ne sarà’ della mia pensione considerando che vorrei smettere a 67 anni? Al maggior stipendio corrisponderà una pquta pancione inglese maggiore rispetto a quella italiana? Grazie in anticipo e complimenti per l’articolo.

  3. Ciao Alain!
    Sto lavorando a Manchester ed ho un lavoro part time, prendo £150 a settimana e quindi non pago NI.
    Non sto quindi versando contributi per la mia futura pensione o sbaglio?
    Sono un po’ confusa al riguardo ed anche preoccupata.
    Grazie in anticipo!

    • Ciao Elena, grazie del commento.
      Don’t worry! Se guadagni tra £112 e £155 risulta “come se stessi pagando la NI”! Anche se non la paghi..questo significa che stai maturando gli anni necessari per poi ottenere la pensione..naturalmente si tratta della pensione base, poi puoi decidere tu se versare altri contributi volontari sia sottoforma di NI o attraverso una pensione privata..ma magari con il tempo il tuo stipendio subira’ un incremento o cambierai lavoro, quindi non mi preoccuperei di pagare extra. Good luck 🙂

  4. Buongiorno Alain, Innanzitutto grazie per queste preziose informazioni online. Volevo sottoporti un quesito: sono in UK da un paio di mesi, ho trovato un lavoro nel ramo della ristorazione ma vorrei iniziare un business legato alla mia formazione professionale, ovvero fare l’architectural designer. Ho già alcuni contatti, o per meglio dire clienti, ma come posso farmi pagare in maniera regolare? Dovrei diventare un self-employed, posso farlo mantenendo il mio contratto di lavoro?
    Grazie, Marco.

  5. Morning, Una domanda particolare , ho 54 anni , da tre mesi lavoro in UK (dipendente Care Home) dopo 26 di contribuzione in Italia. A quanti anni devo andare in pensione e in UK riuscirò ad arrivarci? grazie

  6. Salve, complimenti per l’articolo molto utile. Io ho questa situazione: sto lavorando part time in un ristorante, faccio all’incirca 10 ore alla settimana ( guadagno meno di 100 pound a settimana) attendendo che mi aumentino le ore. Ho visto dalla busta paga che non sono tassata ma che mi è stato affibbiato un emergency code. Che devo fare? Devo in ogni caso avvisare chi di competenza e farmi cambiare il tax code anche se non sono tassata? In caso di risposta affermativa a chi mi devo rivolgere? Grazie in anticipo

  7. Ciao mi chiamo Primo…vivo e lavoro in uk da due anni, ho circa 35 anni di contributi INPS versati e 50 anni di età. ..come devo muovermi per avere una pensione e posso comunale i contributi inglesi con quelli italiani? Grazie per ogni aiuto

  8. Ciao. Lavoro da 3 mesi in UK e il mio datore di lavoro da oggi mi ha inserito nel programma pensionistico aziendale. La mia domanda è: posso evitare di versare i contributi per la pensione? Ad esempio perchè penso di stare solo un anno in UK e quindi vorrei evitare di dare soldi inutilmente. Se non verso questi contributi il mio stipendio non verrà intaccato o comunque verro tassato ugualmente? Grazie mille

  9. Ho lavorato circa 5 anni in UK( 80-84). Posso richiedere parte dei contributi versati o devo fare domanda di pensione? Ho 64 anni

    Grazie

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s